martedì 27 marzo 2018

La vecchiaia e la BCE


Nel  suo bollettino economico, la BCE  chiede che i Governi dell'area Euro non facciano passi indietro sulle riforme delle pensioni  e si appella  anche perché  intraprendano ulteriori interventi per innalzare età…. http://www.ilgiornale.it/news/politica/arriva-diktat-bce-aumentate-ancora-let-pensione-1509002.html
Che la Bce possa avere una sua competenza quando dice agli Stati di tenere i conti in ordine ciò è comprensibile. ??Ma quale è la sua competenza in materia di vita delle persone e di come gestire una società equilibrata dal punto di vista sociale.?? Nessuna, perché la vita non è solo un fatto contabile.
  A 60 anni comincia la vecchiaia , e non è per tutti uguale perché non tutti invecchiamo allo stesso modo.  Ci sono persone che non possono più fare lo stesso lavoro che facevano da giovani; questo è un dato di fatto per i lavori usuranti, ma  esiste anche un dato di fatto rispetto al proprio stato di salute ( e questo è un dato estremamente soggettivo).
 Una società che ha a cuore la vita umana deve permettere una necessaria flessibilità per andare in pensione:  dare la possibilità di andare in pensione prima con un assegno pensionistico più limitato; oppure una collocazione a part time che meglio corrisponda alle energie fisiche; oppure un cambiamento di mansione, da una mansione faticosa ad una meno faticosa.  E dare la possibilità di scegliere tra queste opzioni.
 Una società equilibrata deve permettere l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro favorendo l’uscita degli anziani: non si può arrivare all’assurdo di avere giovani disoccupati e vecchi ancora al massimo d’ impiego e sfruttamento delle residuali energie. Lavorare tutti lavorare meno,  significa agevolare l’uscita degli anziani; e magari usare le loro esperienze per fare brevi corsi  di inserimento al lavoro delle nuove leve.
 Se la BCE vuole i conti in ordine allora diciamo che possiamo metterli in ordine cercando di evitare ogni spreco: no alle doppie pensioni; no alle pensioni d’oro, no a tutti privilegi;   ma lasciamo lavorare dopo i 60 anni solo chi se la sente per le sue energie. (fr.z.)

Van Gogh  - Alle Porte dell'Eternità-

Qualche dato sulle pensioni d'oro

1 commento:

  1. Concordo in pieno. E' pazzesco il cinismo contabile e politico dell'UE.

    RispondiElimina

Tutti i commenti e i contributi sono benvenuti, la redazione si riserva, in via di autotutela, di eliminare commenti che incitano alla violenza o con carattere offensivo verso terzi.