sabato 25 febbraio 2017

in Italia si può morire di fatica

Paola Clemente, 49 anni, il 13 luglio del 2015 è morta di fatica nei campi di Andria (in Puglia). L’ha ammazzata il lavoro: dodici ore al giorno per 27 euro di paga. Dalla sua morte è partita una inchiesta della Procura di Trani che ieri ha portato all’arresto di sei persone per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro…  http://www.lastampa.it/2017/02/24/italia/cronache/morta-di-fatica-nei-campi-in-manette-sei-caporali-zEfgBoOQKFQM40xkJ1v8LL/pagina.html
Basterebbe un ufficio di collocamento pubblico in ogni comune per saltare l’intermediazione mafiosa del caporalato.


Per i post recenti o in evidenza di Crea pane e lavoro vai all’ Home page

2 commenti:

  1. Quella povera signora è stata uccisa da chi governa e sa bene come queste cose, da eccezioni, siano diventare regola... così come è accaduto e accade per tante altre faccende di casa nostra.
    Che pena.

    RispondiElimina
  2. Di caporalato ne ho letto adesso, qui:
    http://www.articolo21.org/2017/02/tutti-schiavi-e-caporali-nella-terra-di-paola-clemente-non-solo-contadini-il-caporalato-industriale-e-ancora-inesplorato-e-i-giornalisti-precari-sono-prede-sotto-scacco/

    RispondiElimina

Tutti i commenti e i contributi sono benvenuti, la redazione si riserva, in via di autotutela, di eliminare commenti che incitano alla violenza o con carattere offensivo verso terzi.