mercoledì 1 maggio 2019

!° Maggio 2019

Gli sfruttati di oggi sono tanti: 
operai, 
contadini,
pastori,
pescatori,
lavoratori precari, 
disoccupati, 
disoccupati con reddito di cittadinanza e senza, 
lavoratori in nero sempre ricattati, 
migranti appena arrivati, 
migranti arrivati da tempo e e che vivono come gli italiani più sfruttati, 
impiegati di livello retributivo basso, 
insegnanti malpagati, 
pensionati ai livelli di sussistenza,
partite IVA che spuntano come lavoratori in proprio ma nei fatti sono dipendenti ricattati con orari di lavoro pesanti, 
professionisti marginali, 
imprenditori sull'orlo di chiudere la propria impresa. 
Il fatto è che non sono uniti, ma divisi lottano spesso l'un contro l'altro. 
PROLETARI DI TUTTO IL MONDO CERCATE DI CAPIRE CHI SIETE E UNITEVI.

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. La situazione lavorativa è preoccupante, sotto qualsiasi aspetto la si voglia considerare (anche oggi ho letto di una morte sul lavoro), e bene ha fatto Landini, secondo me, a proporre un unico sindacato per tutte le categorie di lavoratori. Non sarà facile perchè per dividersi basta un nonnulla ma per unirsi occorrono buona volontà, intelligenza e una buona cultura sociale.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se i lavoratori non costruiscono una struttura di rappresentanza sindacale dentro il proprio posto di lavoro, il sindacato esterno unito o diviso non riesce a fare nulla per proteggerli. Ed attualmente il ricatto della disoccupazione è così forte che i lavoratori hanno paura a scriversi a qualsiasi sindacato.

      Elimina

Tutti i commenti e i contributi sono benvenuti, la redazione si riserva, in via di autotutela, di eliminare commenti che incitano alla violenza o con carattere offensivo verso terzi.